FORGOT YOUR DETAILS?

Tutto quello che vuoi sapere sul paese di Borgomaro con mialiguria.it

Borgomaro

Il paese

Borgomaro è il centro più importante dell’alta valle Impero, situato lungo il corso del torrente omonimo fra gli uliveti: è il punto di riferimento per le numerose frazioni distribuite tra oliveti, castagni e pascoli fino ad arrivare al borgo più alto a circa 620 metri di altezza Le origini si fanno risalire ai Conti di Ventimiglia che fecero erigere il castello (ora solo rudere) da dove a partire dal XV secolo si sviluppò il paese e da dove nel corso dei secoli nacquero numerose attività quali frantoi e mulini. Nel corso dei secoli la zona del Maro passò ai Doria ed infine ai Savoia.

Note di gastronomia...

A Borgomaro ricordiamo il pane di San Rocco e i baxin che sono dolci gustosi ai sapori del finocchio selvatico. In occasione delle feste pasquali non manca mai sulle tavole la torta di riso e verdura. L'intera vallata è il “paradiso” delle taggiasche: pregiata qualità di olive che viene qui raccolta e trasformata con metodi tradizionali in patè di olive, olive in salamoia ed olio extra vergine di oliva, inoltre durante il periodo pasquale è d’uso preparare la focaccia della Quaresima.

Una ricetta assai curiosa si trova a San Lazzaro: “i succui stiassai” a base di zucchine. Anticamente nelle acque del torrente Impero, presso il piccolo borgo di San Lazzaro Reale era praticato uno sport particolare: la pesca alle anguille, considerate la specialità di questo paese. I pescatori che miravano a tale preda erano ben equipaggiati e uno degli strumenti principali che utilizzavano era l’ombrello. Si percorreva il torrente con lunghi stivaloni, immersi nell’acqua con la canna in una mano e l’ombrello aperto nell’altra: se l’anguilla abboccava, il pescatore prontamente alzava la canna con il pesce dentro che restava impigliato nell’ombrello.

Ad agosto, a Ville San Pietro, in occasione della sagra gastronomica si possono gustare gli spaghetti “alla berettuna” preparati con numerosi ortaggi di stagione coltivati localmente, conditi rigorosamente con olio extravergine ma arricchiti da un ingrediente segreto di cui le donne del paese sono orgogliosamente gelose.

Le nostre tradizioni

Tra le più particolari possiamo ricordare a Candeasco i festeggiamenti in onore della Madonna degli Angeli (2 luglio); la sera si prepara un grande falò, sulla piazza vicino alla cappella Melissano, con legna di olivo (proveniente dalla pulitura, i “brotti”). Lungo la via che parte dall’oratorio e conduce fino alla cappella, tra le fessure dei muretti a secco vi sono tanti mozziconi di candele accesi che rendono ancora più suggestivo l’avvenimento. Anticamente invece delle candele si utilizzavano i gusci di lumaca all’interno dei quali era posto lo stoppino e l’olio. In occasione dello”sconfogu” le famiglie provvedono anche ad offrire un rinfresco a base di piatti tipici (immancabili le bugie).

le curiosità di Borgomaro

Dal 2004 Borgomaro accoglie la Comunità Monastica Benedettina, i cui componenti hanno scelto come dimora il complesso della chiesa dei Santi Nazario e Celso. I monaci appartengono alla comunità monastica di Santa Giustina a Padova, e rappresentano un punto di riferimento per la vita spirituale. La loro casa è provvista di una stanza nella quale è possibile ospitare una persona alla volta per ritiri spirituali, o per chi voglia conoscere la vita monastica.

Nel territorio di Borgomaro esiste anche una sorgente di acqua solforosa, le cui acque in passato erano utilizzate per la cura delle malattie della pelle. Già nel 1786 un farmacista locale, tale Francesco Melissano ne studiò le proprietà mediche e chimiche.,

“A Ruve du Megu”: E’ un monumentale albero di roverella di circa 350 che si trova nel territorio tra le frazioni di Ville San Pietro e Conio. La sua mole è veramente notevole, 28 metri di altezza ed una circonferenza di 420 centimetri, ed è un esemplare maestoso che si distingue nettamente dal resto della vegetazione che costituisce il bosco.

L’importanza dell’acqua e delle sue risorse idriche, nella Valle Impero, è sempre stata determinante, non solo perché legata al campo del lavoro (i mulini e frantoi) ma anche sotto l’aspetto umano e sociale. Nei tempi passati le fontane ed i lavatoi rappresentavano veri e propri luoghi di incontro e di aggregazione per la popolazione dei borghi. Tra le testimonianze più evocative possiamo ricordare il lavatoio sito nel centro di Borgomaro, sulla piazza di Maro Castello una grande fontana con lunghi lavatoi/abbeveratoi; i lavatoi di Conio ( di cui si è già parlato), varie fontane a Pontedassio e l’abbeveratoio di Torria.

Le nostre manifestazioni

GENNAIO

Ville San Sebastiano - Festa patronale 20/01

Ville San Pietro - Festa patronale 1/1

Borgomaro – festa patronale 17/01

APRILE

Rally di Sanremo lungo le strade della valle del Maro

MAGGIO

Borgomaro Fiera 13/05

Serata danzante e gastronomica "Paella. cunio e gorgonzolla..." nelle vie del borgo

GIUGNO

Ville San Sebastiano: Festa della Madonna dell’Acquasanta

LUGLIO

Borgomaro:

Serata Gastronomica e serata danzante (Sagra della Porchetta)

Sagra dei Muscoli alla Saracena e serata danzante

Festa di San Giacomo presso omonima chiesa e Santa Messa + festa all'aperto con musica 25/07

Festa religiosa di SS Nazario e Celso nell'antica matrice della Valle del Maro (28/07)

Candeasco:

02/07/02 Festa notturna dei Fuochi presso il Santuario della Madonna degli Angeli. Musica e cena all’aperto. Mille luci accese fra le pietre e grande falò centrale

AGOSTO

1/8 Ville San Pietro: Festa patronale di San Pietro in Vincoli

3/8 Ville San Pietro: Sagra degli spaghetti alla Berettuna e ballo campestre

5/8 Ville San Sebastiano Festa religiosa della Madonna della Neve presso il santuario omonimo

15/8 Maro Castello Festa patronale di Maria Vergine Assunta

16/8 Borgomaro Festa religiosa di San Rocco - Sagra del Pane di San Rocco

20/8 San Bernardo di Conio: festa patronale di San Bernardo

31/8 San Lazzaro Reale Festa patronale di San Lazzaro

SETTEMBRE

22/9 Conio Festa patronale di San Maurizio - - Sagra dei fagioli - danze

(quarta domenica di settembre) Candeasco Festa religiosa della Madonna della Salute con sagra della bugia

24/9 Ville San Pietro San Raffaele Arcangelo - Festa religiosa

25/9 Borgomaro Fiera commerciale tradizionale

OTTOBRE

2/10 Ville San Sebastiano SS. Angeli Custodi - Festa religiosa

13/10 Conio Festa nei Caruggi con mercato degli orti e degustazione dei piatti locali e vendita dei prodotti tipici: fagioli, formaggi, castagne, miele, ortaggi – (abbuffata di fagioli sulle tavole imbandite nei carruggi)

NOVEMBRE

21/11 Borgomaro Festa religiosa di Madonna delle Grazie

TOP